neeon
martedì 07, 2023

Le notizie dalle fonti

  • martedì 07, 2023
  • Via Martiri Fosse Ardeatine, 3, Velletri
neeon
Le notizie dalle fonti
World

Artemis 1 sta per iniziare il viaggio di ritorno verso la Terra

post-img

Dopo essere rimasta in Orbita attorno alla Luna alla distanza più lontana di sempre, ha acceso i motori per ricollocarsi nella direzione di casa

Houston - 2 dicembre 2022 _ La navicella spaziale Orion della Nasa, il nucleo della missione Artemis I, ha dato il suo addio alla Luna nel suo storico viaggio prima di tornare a casa sulla Terra.

La capsula, che ha trascorso gli ultimi 15 giorni viaggiando nello spazio profondo e facendo un viaggio senza precedenti oltre il nostro satellite naturale , ha acceso il suo motore di bordo per circa un minuto e 45 secondi alle 22,53 ore italiane del 1 dicembre per uscire dal suo attuale percorso orbitale.

La sonda Orion dovrebbe ora compiere un altro giro intorno alla luna. Il passaggio finale porterà ancora una volta Orion a poco più di 80 miglia (128,7 chilometri) sopra la superficie lunare lunedì mattina. Il flyby offrirà viste di importanti siti lunari, compresi i letti di lava che gli astronauti esplorarono durante l'era Apollo. Da lì, la capsula accenderà i suoi motori per riprendere la rotta verso la Terra.

la navicella spaziale è sulla buona strada per atterrare nell'Oceano Pacifico al largo di San Diego l'11 dicembre. Ciò segnerà la fine della storica missione Artemis I, iniziata quando la navicella Orion è stata lanciata in cima al nuovo Space Launch System della Nasa, o SLS, razzo il 16 novembre. Il lancio ha certificato l'SLS come il razzo più potente mai messo  in orbita.

Dopo aver raggiunto lo spazio e essersi separata dal vettore Space Launch System,  la capsula Orion ha raggiunto un'orbita lunare lontana che le ha permesso di raggiungere più di 40.000 miglia (64.374 chilometri) oltre il lato più lontano della luna. È più lontano di quanto qualsiasi veicolo spaziale progettato per trasportare esseri umani abbia mai volato.

La navicella spaziale, tuttavia, vola senza equipaggio umano per questa missione, solo con dei manichini progettati per raccogliere dati, insieme ad alcuni ricordi.

L'obiettivo generale di Artemis I - la prima di una serie di missioni sempre più difficili volte a rimandare gli esseri umani sulla superficie lunare - è testare il veicolo spaziale fino ai suoi limiti, raccogliendo preziose informazioni per la Nasa.

Finora nel suo viaggio, la navicella spaziale Orion ha completato diversi traguardi chiave e ha superato le aspettative, “ma finché la capsula rimane nello spazio, c'è sempre un rischio”, ha detto ai giornalisti Michael Sarafin, responsabile della missione Artemis I, durante una conferenza stampa questa settimana.  Il responsabile di missione ha notato che il rischio di colpire detriti orbitali è costantemente incombente. E il rientro della capsula nell'atmosfera terrestre sarà tra le parti più faticose e insidiose del volo.

“Il più grande test dopo il lancio è il rientro perché vogliamo sapere se quello scudo termico funziona a circa 5.000 gradi Fahrenheit (2.760 gradi Celsius), quasi la metà della temperatura sulla superficie del sole, arrivando a 32 volte la velocità del suono (quasi 40.000 chilometri all'ora)". Così ha affermato l'amministratore della NASA Bill Nelson in conferenza stampa.

Dopo essere tornato nell'atmosfera, Orion dovrà quindi far aprire il paracadute in sicurezza e rallentare la sua discesa prima di effettuare il suo ammaraggio mirato.

La Nasa avrà una flotta di veicoli di recupero in attesa, nelle vicinanze, tra cui una nave, due elicotteri, quattro gommoni, due barchini e un aereo, ha detto Sarafin durante la conferenza stampa di mercoledì.

“La squadra che sta eseguendo le operazioni di recupero è in mare in questo momento per eseguire un addestramento in vista dell'ammaraggio dell'11 dicembre”, ha aggiunto Sarafin.

Se la missione Artemis I avrà successo, la Nasa lavorerà subito alla selezione dell' equipaggio che volerà sulla missione Artemis II, che potrebbe decollare nel 2024. Artemis II mirerà a inviare astronauti su una traiettoria simile a quella di Artemis I, circumnavigando la luna ma non atterrando sulla sua superficie.

La missione Artemis III, attualmente prevista per il lancio nel 2025, dovrebbe avere come obiettivo l'allunaggio sulla luna e i funzionari della Nasa hanno affermato che includerà la prima donna e la prima persona di colore a raggiungere un tale traguardo.

Le prestazioni del veicolo spaziale durante questa missione sono state eccezionali, ha detto lunedì sera ai giornalisti Howard Hu, il responsabile del programma Orion. Ci sono stati alcuni problemi minori, incluso un breve problema di comunicazione, all'inizio del viaggio. Ma nel complesso, il veicolo spaziale sta superando le aspettative, producendo circa il 20% in più di energia rispetto a quella di cui ha bisogno, ha osservato Hu.

Sarafin ha aggiunto che la missione sta andando così bene che la NASA l'ha aggiornata per includere obiettivi aggiuntivi per raccogliere più dati sulle capacità e le prestazioni del veicolo spaziale.

 

Redazione

Articoli correlati

Chi siamo

Dopo una pausa di riorganizzazione, riprende le pubblicazioni l’Osservatore Internazionale, fondato nel 2013, giornale di notizie dal mondo e dall’Italia.Documentazione su fatti e notizie da tutto il mondo selezionati dalla redazione, corrispondenze dall’estero.