neeon
giovedì 25, 2024

Le notizie dalle fonti

  • giovedì 25, 2024
  • Via Martiri Fosse Ardeatine, 3, Velletri
neeon
Le notizie dalle fonti
Arts & Culture

‘Farà giorno’ al Teatro Parioli, una lunga storia di successo

post-img

Caso unico nella drammaturgia italiana contemporanea la commedia viene rappresentata da 14 anni

Roma - 30 gennaio 2024 _ Antonello Fassari, Alvia Reale, Alberto Onofrietti, saranno in scena al Teatro Parioli dal 31 gennaio all’11 febbraio con ‘Farà giorno’, commedia in due atti di Rosa A. Menduni e Roberto De Giorgi, regia Piero Maccarinelli.

Si tratta di un classico esempio di commedia all’italiana dove si ride, ci si emoziona, seguendo le parole di Renato, vecchio comunista, Emanuel, estremista di periferia e Anna, figlia di Renato, ex terrorista ora medico impegnato in organizzazioni umanitarie. 

Sul palco i tre personaggi, che apparentemente non hanno nessun terreno comune, attraverso la conversazione, la pazienza e l’amore riescono a trovare un insospettabile accordo.

Il testo vive sulle rimozioni del passato, sui sensi di colpa e su un orgoglio troppo superficialmente esibito. Renato, vecchio partigiano e medaglia d’oro al valore della Resistenza, si trova sulla strada di Manuel, teppista di periferia con spiccate simpatie nazifasciste. Manuel, uscendo dal garage condominiale, in una manovra scellerata, investe con l’auto Renato e si accorda con lui su un periodo di assistenza domiciliare solo per evitare una denuncia. Comincia così una sfida senza esclusione di colpi, anzi, una partita a due che tra azzardi, bluff ed inganni assumerà poco per volta i contorni di un confronto tra due opposte visioni della vita e del senso della Storia. In questo percorso ora aspro e diffidente, ora scanzonato e ironico, la comune ricerca di umanità e di verità li aiuterà a vincere le rispettive diffidenze rivelando le proprie debolezze e paure: il bilancio di una vita intera per l’uno, la mancanza di prospettive per il futuro per l’altro. 

Tutto si svolge in un interno, la stanza di un appartamento a Roma, dove avviene l’incontro di Renato e Manuel e si accende lo scontro sulle differenti posizioni morali dei due personaggi e sull’accettazione reciproca in una società sempre più disgregata, dove sembra sempre più difficile trovare principi fondanti comuni. 

Il terzo personaggio appare dopo e anche con lei, sua figlia, Renato vive uno scontro sul loro passato e il loro presente di non accettazione, di rimpianti e di rimorsi. di indotta uno di loro,

L’inaspettato e improvviso ritorno a casa di sua figlia Aurora è, per Renato, l’evento che riapre la strada a dolorosi ricordi, ma anche alla speranza di una riconciliazione in cui ormai non credeva quasi più: li hanno separati trent’anni di silenzio e di lontananza ma, ancora prima di questo, la scelta di vita di Aurora e la decisione più difficile che un padre possa prendere. Nell’ultimo e più importante confronto della sua vita, Renato si trova a trasmettere a due generazioni così diverse e distanti tra loro un’eredità che oggi sembra ormai dispersa, fatta dei più alti ideali di libertà e di responsabilità. Renato, Aurora e Manuel con le loro storie, le loro sconfitte, le loro illusioni e la loro voglia di riscatto sembrano diventare figure simboliche di un Paese che cerca di ritrovare il senso di sé. 

‘Farà giorno’ rappresenta un caso unico nella storia della drammaturgia italiana, essendo stato rappresentato con successo per ben 14 anni. Un vero e proprio Long seller teatrale, dopo una prima edizione nel 2009, nel 2011 lo spettacolo resta in scena per 3 anni interpretato da Gianrico Tedeschi. 

Questa edizione viene ripresa per 2 stagioni nel 2018 con lo stesso cast e registrata per Rai Palcoscenico che la manda in onda per 3 anni consecutivi per festeggiare il 25 aprile. Nella stagione 2023 sempre al Teatro Franco Parenti viene presentata la nuova edizione con Antonello Fassari, Alvia Reale e Alberto Onofrietti che registra 4 settimane di tutto esaurito. 

Lo spettacolo viene ripreso quest’anno di nuovo al Franco Parenti per 3 settimane e approderà il 31 gennaio al Teatro Parioli di Roma. 

Lo spettacolo arriva ora a Roma per le ultime repliche, un’ultima occasione per vederlo.

 

Ludovico Tallarita

Foto di Massimiliano Fusco

Articoli correlati

Chi siamo

Dopo una pausa di riorganizzazione, riprende le pubblicazioni l’Osservatore Internazionale, fondato nel 2013, giornale di notizie dal mondo e dall’Italia.Documentazione su fatti e notizie da tutto il mondo selezionati dalla redazione, corrispondenze dall’estero.